Italian Knowledge Leaders

Evento inaugurale: mercoledì 24 novembre 2021 - 16:00 - 19:00
Auditorium Antonianum - Viale Manzoni 1, Roma

Il Progetto

L’Italia può contare su un altissimo numero di Opinion Leader che, grazie alla loro capacità, esperienza e volontà di rappresentare le rispettive comunità professionali, hanno raggiunto posizioni di prestigio all’interno delle rispettive associazioni internazionali di riferimento: è a loro che dobbiamo la leadership del nostro Paese in moltissime aree scientifiche e professionali. Al tempo stesso, tali figure sono i principali protagonisti di un’ulteriore opportunità di crescita economica e culturale per tutto il Paese; un’opportunità rappresentata da tutti quegli eventi e congressi internazionali che -proprio grazie alla loro reputazione- l’Italia ha la possibilità di aggiudicarsi; a patto però che siano adeguatamente supportati da un intero sistema composto da istituzioni e operatori del settore degli eventi.

Proprio questo è il paradigma fondante di Italian Knowledge Leaders, progetto nato grazie alla volontà di CBItalia ed ENIT, che si prefigge di iniziare un percorso che metta a sistema il supporto strutturato delle Istituzioni Italiane, delle destinazioni e delle aziende private operanti nella Meeting Industry a favore dei ‘knowledge leader’ italiani. L’obiettivo? Il supporto nei processi di candidatura dei grandi congressi internazionali, in particolare quelli associativi, un settore trainante nella promozione e nello sviluppo delle “Knowledge Destinations”, siano esse nazioni, città o regioni; non solo per il loro indiscusso impatto economico, ma soprattutto per quello socioculturale.

Italian Knowledge Leaders - L'evento

A inaugurare il progetto, un evento dedicato al sapere che si terrà mercoledì 24 novembre p.v. dalle 16:00 alle 19.00 presso l’Auditorium Antonianum, in Viale Manzoni 1, a Roma.

Di seguito il programma di massima dell’evento:

16:00 Arrivo ospiti e Welcome Coffee

17:00 Inizio lavori

19:00 Fine lavori e Standing Networking Dinner

 

L’iniziativa coinvolgerà esponenti delle istituzioni nazionali e locali, una delegazione dei principali ‘Italian Knowledge Leaders’, ovvero membri di spicco delle proprie associazioni scientifiche e professionali internazionali di riferimento, insieme alle destinazioni italiane, che avranno, inoltre, la possibilità di estendere l’invito ai loro principali Ambassadors, insieme ad agenzie di organizzazione congressuale, Centri Congressi ed Associazioni di Categoria. L’evento si prospetta così come l’inizio di uno stimolante ed innovativo percorso tutto italiano, fatto di attività di networking, corsi di formazione ed appuntamenti volti alla sensibilizzazione verso l’importanza del mercato associativo in Italia.

Per saperne di più:

Nel MICE, uno dei segmenti di riferimento è quello relativo agli eventi Associativi, un settore trainante nella promozione e nello sviluppo delle “Knowledge Destinations”, siano esse nazioni, città o regioni.

L’ultimo rapporto OICE – Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi promosso da Federcongressi&eventi – attesta al mondo associativo ben il 25,5% degli eventi svoltisi in Italia e il 30,8% del totale dei partecipanti.

Attrarre i grandi congressi associativi rappresenta per le comunità scientifiche, mediche, professionali una ottima opportunità per entrare in contatto con colleghi provenienti da tutto il globo, facilitando lo scambio di conoscenza e la nascita di collaborazioni mirate allo sviluppo della propria professione. I congressi hanno pertanto assunto il ruolo di “importatori di conoscenza”. Un ruolo che si è sempre più affermato nelle politiche di sviluppo e promozione delle destinazioni a livello internazionale, tanto da spingere governi ed enti di promozione turistica a investire ingenti risorse in questo specifico segmento.

Le figure chiamate a proporre la destinazione come potenziale sede di un congresso non sono gli enti di promozione turistica, i convention bureau o le agenzie di organizzazione congressuale, bensì i singoli Soci dell’associazione. Professionisti (medici, ricercatori, scienziati, ingegneri, ecc.) che in virtù del curriculum e della loro propensione a rappresentare la propria categoria hanno un coinvolgimento attivo nelle associazioni a cui aderiscono e hanno la possibilità di influenzarne le decisioni. Candidare la propria destinazione e, in caso positivo, ospitare il congresso della propria comunità professionale diventa pertanto uno dei momenti più alti nella carriera di un professionista.

Al fine di poter essere presa in considerazione, una candidatura deve sostenere una tesi della forte attinenza scientifica della destinazione con gli obiettivi dell’associazione o del singolo congresso e da una approfondita argomentazione relativa alla capacità logistica della destinazione di ospitare l’evento.

Una delle chiavi per il successo di una candidatura è proprio la collaborazione simbiotica tra il Convention Bureau di riferimento e i “knowledge leader” locali in modo da presentare la Destinazione candidata come una naturale estensione urbana di una società che considera la conoscenza come uno dei suoi valori fondanti.

Secondo la nostra ricerca preliminare, l’Italia si piazza al 6° posto a livello mondiale per “capitale intellettuale disponibile”, ovvero per il numero di opinion leader coinvolti attivamente in organi decisionali di associazioni professionali e scientifiche internazionali. L’Italia vanta circa 1.000 opinion leader impegnati in posizioni decisionali presso associazioni internazionali che organizzano grandi eventi (più di 500 partecipanti) e circa 2.250 presso associazioni che organizzano eventi medi (200-500 partecipanti). In aggiunta, troviamo circa 100 opinion leader che ricoprono posizione di Presidente o Chairperson di altrettante associazioni internazionali di rilievo.

L’obiettivo del nostro progetto è quello di dare il giusto riconoscimento a questi “intellectual leader -veri e propri ambasciatori del capitale intellettuale prodotto dal nostro paese- coinvolgendoli in attività di promozione dell’Italia come “destinazione del sapere” e, di conseguenza, delle sue città come sedi ideali per ospitare congressi internazionali di prestigio. Altro obiettivo a lungo termine è quello di incoraggiare sempre più opinion leader a essere più attivi a livello internazionale in modo da contribuire alla promozione dell’Italia come ‘destinazione del futuro’.

Invia un RFP!